GINEVRA - Dallo scorso mese di febbraio, a fianco di André Hefti, sperimentato direttore del Salone dell’auto di Ginevra che dopo l’edizione di quest’anno andrà in pensione, lavora anche il nuovo direttore, Olivier Rihs. 49 anni, attivo da sempre nel mondo dell’automobile, da ultimo come CEO di AutoScout24, Rihs ha la missione di salvare il prestigio della manifestazione ginevrina e di traghettarla nell’era della digitalizzazione. Gli abbiamo posto alcune domande.

Lei diventa direttore del Salone dell’auto di Ginevra in un momento piuttosto delicato per questo genere di eventi. La sua sembra una sfida non da poco. Come pensa di interpretarla?«È vero che si tratta di una sfida, però è una bella sfida. Il mondo dell’automobile sta cambiando a livello mondiale e posizionare il Salone di Ginevra...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1