Dopo 8 anni di governo conservatore, il centrosinistra si è ripreso la Norvegia. I tre partiti della coalizione - laburisti, centro e socialisti di sinistra - hanno infatti conquistato la maggioranza assoluta dello Storting, il Parlamento di Oslo: 89 seggi sui 169 disponibili.

I laburisti del futuro primo ministro Jonas Gahr Støre hanno ottenuto il 26,35% dei voti e 48 seggi, uno in meno rispetto al 2017; il Partito di Centro, guidato da Trygve Slagsvold Vedum, ha raggiunto invece il 13,58% conquistando 28 seggi, ben 9 in più rispetto alle precedenti elezioni. Due seggi in più anche per il Partito della Sinistra Socialista di Audun Lysbakken, che con il suo 7,48% avrà 13 deputati.

In crescita pure gli altri due partiti rimasti all’opposizione negli ultimi 4 anni: Rødt (Rosso), movimento d’ispirazione...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1