«Studiando da vicino la legge, bisogna riconoscere come il marchio Swiss Made manchi di trasparenza. E come sia fuorviante per i clienti che credono di acquistare un prodotto integralmente fatto in Svizzera». Con queste dichiarazioni, il progetto Goldgena irrompeva sul mercato tre anni fa, aprendo discussioni su più fronti e «smascherando» un marchio che, sin lì, pretendeva fiducia...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1