Image
L’intervista

«La Svizzera voleva braccia e non bambini da crescere»

Oggi, dice la psicologa Marina Frigerio, diritti negati per i figli delle badanti e dei migranti

Ma quanti erano i bambini clandestini in Svizzera? «È difficile dirlo», afferma la psicologa e psicoterapeuta dell’età evolutiva Marina Frigerio che nei suoi saggi ha raccolto diverse testimonianze di figli di immigrati in Svizzera (vedi suggeriti). «Le famiglie degli stagionali – italiani ma anche iugoslavi, spagnoli e portoghesi – proprio perché soggiornavano illegalmente, vivevano...

©CdT.ch - Riproduzione riservata

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

In questo articolo:

Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1
  • 2
    società

    I giovanissimi che infiammano le piazze

    Con il sociologo Sandro Cattacin, un’analisi degli attivisti adolescenti, da Greta Thunberg – protagonista recentemente anche del forum di Davos – ad altri simboli generazionali. Qual è il valore del loro messaggio e la loro azione rischia di essere strumentalizzata?

  • 3
    il reportage

    «È difficile combattere chi vuole morire»

    Il nostro inviato si è recato sul fronte orientale siriano dove le forze arabo-curde combattono le ultime sacche dell’ISIS – «La battaglia più difficile non è sul campo ma culturale: ora bisogna eliminare l’ideologia del Califfato»

  • 4
  • 5
    La storia

    Da Sion a Stoccolma per inseguire un ideale

    Il lungo viaggio, di 52 ore, in treno di sei studenti vallesani per incontrare la giovanissima paladina dell’ambiente Greta Thunberg – Ecco il loro racconto dell’esperienza

  • 1