Volare non è da tutti. E non è per tutti. Finora, secondo alcune stime, meno del 20% dell’umanità ha messo piede su un aereo. Indicativamente, circa il 3% della popolazione mondiale compie almeno un volo in un anno: una percentuale bassissima. E allora, dove sta il problema? Eccolo: un aereo, in media, consuma come 4.000 automobili ma può trasportare solo poche decine di persone alla volta. Che fare, dunque? Se lo sono chiesto gli scandinavi, in particolare gli svedesi. E hanno capito che è meglio prendere il treno o altri trasporti alternativi. Non è un caso che il neologismo «flygskam» sia svedese. «Flygskam», letteralmente «vergogna di volare». Quel sentimento che si prova quando si prende un aereo ma si pensa a ciò che esce dal velivolo: anidride carbonica. In quantità superiore a qualsiasi...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1