«Non resterò a rilassarmi in giardino. Avrei voluto viaggiare, ma il coronavirus ha stravolto le nostre vite. Ho dei progetti in mente, ad esempio aiutare le aziende in crisi a seguito di questa emergenza, fornendo consulenza. È un po’ quello che ho fatto con le Ferrovie, d’altronde». Oggi, martedì 31 marzo, è l’ultimo giorno di Andreas Meyer alla testa delle FFS. Dopo 13 anni e 3 mesi il manager e giurista svizzero lascerà la guida dell’ex regia federale a Vincent Ducrot. Nell’intervista concessa al Corriere del Ticino via Skype (per rispettare i provvedimenti adottati dalle autorità per arginare la diffusione della COVID-19), il 58.enne traccia un bilancio positivo della sua gestione che era cominciata nel peggior modo possibile, ossia con lo sciopero alle Officine di Bellinzona. A ben guardare...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1