Passata la fase acuta della pandemia che ha interrotto la vita del nostro Paese per tre lunghi mesi, si torna ad aprire gli orizzonti. A progettare, a pianificare il futuro. In campo energetico, ma anche politico, la Strategia 2050 della Confederazione è uno dei tasselli fondamentali della Svizzera di domani.

In Svizzera il dibattito pubblico riguardante la Strategia energetica 2050 avrà sempre maggiore peso nei prossimi anni. Tre decenni possono sembrare molti, eppure cambiare il paradigma dell’energia richiede uno sforzo notevolissimo da parte di tutti gli attori coinvolti. Il settore dell’idroelettrico ha la fortuna di essere ben accettato dalla popolazione. Un ramo «pulito», quasi privo di emissioni di CO₂ ma che, comunque, non è al riparo da conseguenze ambientali e paesaggistiche.

Riprendiamo...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1