A partire da oggi, anche nel canton Ginevra diventa obbligatorio l’uso delle mascherine nei negozi. A questa decisione già erano arrivati Giura e Vaud. E altri la stanno prendendo in considerazione. Ogni Cantone sembra aver fissato la propria soglia, oltre la quale la mascherina abbandona i toni della raccomandazione e si trasforma appunto in obbligo. Ginevra aveva posto l’asticella a quota cinquanta nuovi casi quotidiani. Ed eccoci qui. Un obbligo che la stessa task force nazionale COVID-19 interpreta come necessario. Risalgono allo scorso weekend infatti le nette dichiarazioni di Manuel Battagay, membro della stessa task force. La sua motivazione: rispondere all’aumento del numero dei casi, seguendo peraltro l’esempio di altri Paesi vicini.

La soglia dei 50 casi al giorno

E la motivazione del...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1
    votazioni

    Un congedo paternità di 10 giorni, un progresso o un danno?

    Secondo chi lo sostiene è un’opportunità finanziariamente sopportabile, mentre per chi lo avversa è solo un inutile costo in più A confronto sulla riforma oggetto di referendum il consigliere nazionale Alex Farinelli e il copresidente del comitato referendario Michele Moor

  • 2
    L’intervista

    «All’EOC non dormiamo sonni tranquilli»

    Il presidente dell’Ente ospedaliero Paolo Sanvido ci parla degli effetti della pandemia sulla sanità cantonale, del Master in medicina e degli investimenti per il futuro

  • 3
  • 4
    L’INTERVISTA

    «L’85% degli immigrati non è affatto necessario sul mercato del lavoro»

    L’immigrazione, il mercato del lavoro, il ritorno ai contingenti, le misure di accompagnamento, l’esempio della Brexit e la replica a Peter Spuhler - Parla la consigliera nazionale e vicepresidente dell’UDC Magdalena Martullo-Blocher in vista della votazione sull’iniziativa per la limitazione

  • 5
    Letteratura

    Con Dacia Maraini nella Sicilia del Settecento

    Il nuovo romanzo epistolare della scrittrice italiana esplora attraverso un espediente narrativo le complicate vicende di un triangolo amoroso durante l’epidemia di peste che colpì la città di Messina intorno alla metà del XVIII secolo

  • 1