Lo sciopero e quei parallelismi con la manifestazione del 1991

Il fatto

Oggi la giornata nazionale per la parità fra i sessi: ne parliamo con Anita Testa-Mader e Marina Carobbio

Lo sciopero e quei parallelismi con la manifestazione del 1991
Un’immagine di Zurigo durante lo sciopero del 1991. (Foto Keystone)

Lo sciopero e quei parallelismi con la manifestazione del 1991

Un’immagine di Zurigo durante lo sciopero del 1991. (Foto Keystone)

Uno sciopero con le donne e per le donne. Oggi come esattamente 28 anni fa, quando mezzo milione di persone scese in piazza per rivendicare parità salariali ma anche per sollevare problematiche che coinvolgevano la società nel suo insieme. Era il 14 giugno del 1991, il nostro Paese era profondamente diverso da quello che conosciamo. Eppure, molte delle criticità di allora si ripresentano a distanza di quasi tre decenni. Per capire meglio la portata dello sciopero odierno – di carattere nazionale – abbiamo interpellato Anita Testa-Mader, psicologa e ricercatrice, già membro della Commissione federale per le questioni femminili. Lei, nel 1991, era in prima linea. Già. Ma qual era il contesto in cui ci si muoveva all’epoca? E quale quello di oggi? «Il contesto socio-economico era diverso, sicuramente»...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1
  • 2

    L’eredità linguistica di Carlo Salvioni

    L’anniversario

    Cent’anni fa, nell’autunno del 1920, si spegneva l’insigne glottologo ticinese, fondatore del «Vocabolario dei dialetti della Svizzera italiana», ma anche il patrocinatore di un approccio all’indagine etimologica basato sulla più rigorosa prudenza scientifica

  • 3
  • 4

    La Lombardia dell’high tech bussa alle porte del Ticino

    MILANO

    L’emergenza coronavirus non ha rallentato il ritmo dello sviluppo del distretto dell’innovazione milanese nato sulle ceneri dell’Expo 2015 - Nell’area di un milione di metri quadrati si lavora non stop – La cittadella nel 2024 attirerà ogni giorno 40 mila persone, fino a 70 mila nel 2029

  • 5

    Una sberla ogni tanto non fa bene a nessuno

    Giornata dell’infanzia

    Un’educazione che implichi qualche schiaffo o sculacciata è ancora tollerata in Svizzera malgrado le raccomandazioni dell’ONU e l’esempio di molti altri Paesi - «La fascia di età più a rischio è quella tra gli 0 e i 3 anni»

  • 1
  • 1