Image

Mendrisio: sfida epocale per il dopo-Croci

Faccia a faccia tra i candidati alla poltrona di sindaco, il PLR Samuele Cavadini e il PPD Marco Romano - Si vota il 27 maggio

MENDRISIO - Mendrisio si prepara a un momento epocale. Tra poco più di due settimane, domenica 27 maggio, i cittadini del capoluogo momò saranno infatti chiamati alle urne per eleggere il nuovo sindaco. A candidarsi per la carica dopo le dimissioni a sorpresa del PPD Carlo Croci che durante il discorso di fine anno ha comunicato l'intenzione di lasciare la poltrona che occupava da oltre 20 anni, sono due giovani ma dall'esperienza politica comprovata, non solo a livello comunale (uno è consigliere nazionale, l'altro è stato granconsigliere). Gli aspiranti sindaco sono, rigorosamente in ordine alfabetico, il PLR classe 1979 Samuele Cavadini e il PPD classe 1982 Marco Romano. I cittadini di Mendrisio dovranno soprattutto decidere se puntare sul cambiamento dopo decenni di sindacato PPD, oppure sulla continuità. Gli indecisi sembrano essere ancora molti, anche perché gli altri partiti rappresentati in Consiglio comunale hanno scelto di non fornire indicazioni ufficiali. Il materiale di voto è stato recapitato ai cittadini dei 10 quartieri che compongono la Città a inizio mese. E un ruolo fondamentale in questa elezione lo avranno proprio gli ex Comuni e i loro abitanti. Una delle grandi sfide del futuro sindaco sarà infatti quella di valorizzare le periferie facendole sentire parte di un'unica grande città.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1
  • 2
  • 3
    Heinz Barmettler

    L’uomo che si stufò di soldi e auto

    I cult della Super League: la rubrica curata da Paolo Galli si concentra sull’ex difensore dello Zurigo, che oggi lavora in un’agenzia di viaggi

  • 4
    Parla Elly Schlein

    «Non arrendiamoci all’odio»

    La deputata italiana al Parlamento europeo nata a Lugano è rimasta chiusa nell’edificio fino alle 3.30 di notte

  • 5
    Reportage

    Nell’inferno del boschetto di Rogoredo

    Viaggio tra trafficanti e consumatori di eroina e cocaina, nel quartiere milanese dove la vendita della droga ha assunto proporzioni da primato in un continuo braccio di ferro tra pusher e forze dell’ordine – La storia di Francesco, 18 anni, napoletano vagabondo in crisi d’astinenza e in cerca di soldi per una dose