Nel blu, dipinto di blu. Peggio, di nero. Le compagnie aeree sono a terra. Alcune potrebbero non risollevarsi più, altre dovranno ricorrere ad aiuti statali. Colpa del coronavirus. Si è divorato voli e profitti. Secondo il portale OAG, rispetto a un anno fa l’offerta a livello globale è diminuita del 64%. Se consideriamo i singoli Paesi, il dato peggiora sensibilmente: Germania, Spagna, Regno Unito, Francia, Italia e Svizzera ad esempio hanno superato la soglia del 90%. Nessuno vola, o quasi. Swiss, la compagnia di bandiera elvetica, sta adoperando la miseria di 6 aerei sui 91 totali.

Il problema è il «quando»

Mentre la Cina pian pianino recupera e gli Stati Uniti provano a resistere, l’Europa è in piena turbolenza. Di più, non è chiaro se (e quando) la crisi finirà. «Da Malpensa mi confermano...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1