La condivisione delle password crea alle aziende danni paragonabili a quelli della pirateria ed è per questo che tante imprese hanno iniziato a dire «basta». A partire da Netflix, che nei giorni scorsi ha annunciato l’intenzione di limitare la condivisione dei propri codici di accesso al servizio di streaming video.

Pandemia e Tv

L’azienda fondata da Reed Hastings, una delle principali beneficiarie dell’era della COVID - pandemia del tutto inattesa, ovviamente, ma che ha costretto in casa centinaia di milioni di persone (gli abbonati paganti in tutto il mondo sono quasi 210 milioni) -, ha sempre esplicitamente permesso la condivisione delle password, ben sapendo che non si sarebbe limitata all’ambito familiare: difatti circa il 60% degli abbonati di Netflix ha, per così dire, prestato i suoi...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1