Nel film Minority Report, del 2002, tutti i cittadini sono sorvegliati di continuo, ovunque vadano. E ricevono pure annunci pubblicitari personalizzati in «realtà aumentata» oltre a commessi virtuali che suggeriscono come rinnovare il guardaroba, non appena si mette piede in un negozio. Il protagonista (sullo schermo Tom Cruise) si fa così trapiantare gli occhi di qualcun altro per non essere riconosciuto dalle macchine. Ma se fosse stato a Mosca nel 2021 (anziché nella fantasiosa Washington del 2054) avrebbe dovuto cambiare tutta la faccia. Sì, perché è così che la Russia intende far pagare il biglietto agli utenti della metro. E chissà quante altre cose in futuro. La tecnologia del riconoscimento facciale esiste già da tempo, sottolinea l’esperto Alessandro Trivilini, docente e ricercatore SUPSI. Però non siamo ancora a questi livelli: «Ma entro tre, cinque, massimo dieci anni ci arriveremo pure noi. L’aspetto tecnico non è un problema, dobbiamo agire sull’alfabetizzazione informatica, sulla creazione di un sistema di cui le persone si potranno fidare. Perché potremmo avere il ‘totem’ (dispositivo che regola gli accessi tramite scansione del volto, ndr.) più bello, più efficace, più intelligente... Ma se manca quest’ultimo tassello, la consapevolezza e la fiducia degli utenti, allora sarà inutile» (guarda il video con l’intervista allegato a quest’articolo). In effetti è proprio così che ha risposto nel sondaggio online del Corriere del Ticino, senza nessuna pretesa scientifica, la maggior parte di chi ha partecipato: «Assolutamente no, andiamo verso un futuro senza privacy».

Loading the player...
Guarda il video: «Entro cinque anni faremo la spesa pagando con il nostro volto». Parola dell’esperto Alessandro Trivilini

Abbiamo molto da fare, insomma. Ma Alessandro Trivilini – che è pure delegato per la Svizzera e team leader del gruppo di lavoro che si occupa dello studio di tracce biometriche, riconoscimento facciale e impronte digitali, del programma di ricerca intergovernativo europeo COST – non è sorpreso dal risultato del sondaggio. Tuttavia ribadisce: «Tempo cinque anni e avremo una generazione di nativi digitali che occuperanno ruoli chiave nella società. Persone cresciute con una certa cultura e consapevolezza digitale». L’esperto vede di buon occhio l’evoluzione adottata in Russia. Anche se, a suo dire, si tratta di un Paese molto particolare, soprattutto per quanto riguarda l’uso della tecnologia. «Quasi totalitario. Ricordo, ad esempio, che Putin nel novembre 2017 ha firmato una legge che ha bandito l’uso di programmi per la cifratura dei dati, proprio per impedire che qualcuno potesse dialogare evitando che lo Stato potesse intercettare». Una legge che, di fatto, intende mettere i bastoni tra le ruote di dissidenti o gruppi rivoluzionari.

Prendere un volto non significa schedare una persona. C’è un ‘recinto’ il cui confine, da parte di chi usa questa tecnologia nei Paesi occidentali e democratici, deve essere rispettato

Il controllo totalitario della tecnologia, da un certo punto di vista, agevola la tecnologia. Ma il contesto che respiriamo in Svizzera è diverso: «Andiamo incontro verso una nuova legge sulla protezione dei dati personali, che prevede una tutela, dei diritti e dei principi molto importanti ben definiti per cui le aziende che decideranno, in futuro, di mettere a disposizione degli utenti questa tecnologia per prendere l’autobus, andare al ristorante o accedere a una partita o a una particolare area della città, deve rispettare queste regole. Garantendo la tutela della privacy, e dimostrando una sensibilità etica nella gestione dei dati». Ma non basta. Il pubblico che deciderà di sfruttare questa tecnologia deve avere gli strumenti per capire quando sono registrati questi dati, per quanto tempo (e dove) sono conservati. «E vale sempre il principio di proporzionalità, di minimalizzazione circoscritta alla finalità per cui questi dati sono registrati. Prendere un volto non significa schedare una persona. C’è un recinto il cui confine, da parte di chi usa questa tecnologia nei Paesi occidentali e democratici, deve essere rispettato», conclude Trivilini.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1
    Alla vigilia del voto

    C’era una volta il Giappone

    Stiamo parlando della terza potenza economica del mondo, ma anche di un Paese, quello del Sol Levante, poco in vista nelle dinamiche geopolitiche globali – Manca un vero leader al comando? Difficilmente sarà una donna a succedere al premier Suga

  • 2
    Tra pubblico e privato

    Il circolo virtuoso della ricerca scientifica

    Sia dalla neonata Bios+ che dalla facoltà ticinese di biomedicina sono arrivati chiari inviti al Cantone a investire maggiormente nel settore - Ne abbiamo parlato con Mauro Dell’Ambrogio: «Dal saper fare nasce nuovo saper fare, e dal nuovo saper fare nasce un possibile ritorno economico»

  • 3
    Ambiente

    Fa sempre più caldo e il gallo abbassa la cresta

    La ricercatrice Sara Ryding lancia l’allarme: a causa del riscaldamento globale diversi esemplari di uccelli e mammiferi stanno già modificando le loro caratteristiche – Abbiamo chiesto il parere del professore di biologia evoluzionista Thomas Flatt su questo argomento

  • 4
    Coronavirus

    Se l’America non è più lontana

    Destinazione prediletta prima della pandemia, gli Stati Uniti sono pronti ad accogliere nuovamente i turisti europei – Cosa cambia per la Svizzera? Ne parliamo con i responsabili di Swiss, Kuoni e Hotelplan

  • 5
    LA STORIA

    Quando l’Alzheimer si impossessa della mente e ti ruba le parole

    Alain Vetterli è molto giovane quando compaiono i primi segnali, che attribuisce allo stress – La demenza, poi, gli sconvolge la vita: gli annebbia la mente e ingabbia le parole in una nuvola, che lascia sospesa a mezz’aria – Oggi, 21 settembre, è la Giornata mondiale dell’Alzheimer

  • 1