Nel film Minority Report, del 2002, tutti i cittadini sono sorvegliati di continuo, ovunque vadano. E ricevono pure annunci pubblicitari personalizzati in «realtà aumentata» oltre a commessi virtuali che suggeriscono come rinnovare il guardaroba, non appena si mette piede in un negozio. Il protagonista (sullo schermo Tom Cruise) si fa così trapiantare gli occhi di qualcun altro per non essere riconosciuto dalle macchine. Ma se fosse stato a Mosca nel 2021 (anziché nella fantasiosa Washington del 2054) avrebbe dovuto cambiare tutta la faccia. Sì, perché è così che la Russia intende far pagare il biglietto agli utenti della metro. E chissà quante altre cose in futuro. La tecnologia del riconoscimento facciale esiste già da tempo, sottolinea l’esperto Alessandro Trivilini, docente e ricercatore SUPSI. Però non siamo ancora a questi livelli: «Ma entro tre, cinque, massimo dieci anni ci arriveremo pure noi. L’aspetto tecnico non è un problema, dobbiamo agire sull’alfabetizzazione informatica, sulla creazione di un sistema di cui le persone si potranno fidare. Perché potremmo avere il ‘totem’ (dispositivo che regola gli accessi tramite scansione del volto, ndr.) più bello, più efficace, più intelligente... Ma se manca quest’ultimo tassello, la consapevolezza e la fiducia degli utenti, allora sarà inutile» (guarda il video con l’intervista allegato a quest’articolo). In effetti è proprio così che ha risposto nel sondaggio online del Corriere del Ticino, senza nessuna pretesa scientifica, la maggior parte di chi ha partecipato: «Assolutamente no, andiamo verso un futuro senza privacy».

Loading the player...
Guarda il video: «Entro cinque anni faremo la spesa pagando con il nostro volto». Parola dell’esperto Alessandro Trivilini

Abbiamo molto da fare, insomma. Ma Alessandro Trivilini – che è pure delegato per la Svizzera e team leader del gruppo di lavoro che si occupa dello studio di tracce biometriche, riconoscimento facciale e impronte digitali, del programma di ricerca intergovernativo europeo COST – non è sorpreso dal risultato del sondaggio. Tuttavia ribadisce: «Tempo cinque anni e avremo una generazione di nativi digitali che occuperanno ruoli chiave nella società. Persone cresciute con una certa cultura e consapevolezza digitale». L’esperto vede di buon occhio l’evoluzione adottata in Russia. Anche se, a suo dire, si tratta di un Paese molto particolare, soprattutto per quanto riguarda l’uso della tecnologia. «Quasi totalitario. Ricordo, ad esempio, che Putin nel novembre 2017 ha firmato una legge che ha bandito l’uso di programmi per la cifratura dei dati, proprio per impedire che qualcuno potesse dialogare evitando che lo Stato potesse intercettare». Una legge che, di fatto, intende mettere i bastoni tra le ruote di dissidenti o gruppi rivoluzionari.

Prendere un volto non significa schedare una persona. C’è un ‘recinto’ il cui confine, da parte di chi usa questa tecnologia nei Paesi occidentali e democratici, deve essere rispettato

Il controllo totalitario della tecnologia, da un certo punto di vista, agevola la tecnologia. Ma il contesto che respiriamo in Svizzera è diverso: «Andiamo incontro verso una nuova legge sulla protezione dei dati personali, che prevede una tutela, dei diritti e dei principi molto importanti ben definiti per cui le aziende che decideranno, in futuro, di mettere a disposizione degli utenti questa tecnologia per prendere l’autobus, andare al ristorante o accedere a una partita o a una particolare area della città, deve rispettare queste regole. Garantendo la tutela della privacy, e dimostrando una sensibilità etica nella gestione dei dati». Ma non basta. Il pubblico che deciderà di sfruttare questa tecnologia deve avere gli strumenti per capire quando sono registrati questi dati, per quanto tempo (e dove) sono conservati. «E vale sempre il principio di proporzionalità, di minimalizzazione circoscritta alla finalità per cui questi dati sono registrati. Prendere un volto non significa schedare una persona. C’è un recinto il cui confine, da parte di chi usa questa tecnologia nei Paesi occidentali e democratici, deve essere rispettato», conclude Trivilini.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1
    La polemica

    Ma il canone per la BBC verrà abolito?

    Il governo conservatore di Boris Johnson ha appena congelato l’aumento della licence fee per due anni, mentre nel 2027 si staglia il temuto rinnovo della Royal Charter – Fra battaglie politiche, tattiche di diversione e perdita di pubblico, qual è e quale sarà il ruolo dell’emittente pubblica britannica? Ne parliamo con il professor Matthew Hibberd

  • 2
    urne

    Il tabagismo nel mirino

    Il 13 febbraio si vota sull’iniziativa «Sì alla protezione dei fanciulli e degli adolescenti dalla pubblicità per il tabacco»: una soluzione per proteggere al meglio i giovani dagli effetti negativi del fumo o un’intromissione esagerata nel libero mercato? Il dossier spiegato in cinque punti

  • 3
  • 4
    L’esperto

    «Hacker, una nuova forma di guerra»

    Il 2022 inizia male sotto il profilo della sicurezza informatica: da una parte pirati nordcoreani rubano 400 milioni di dollari in Bitcoin, dall’altra gli attacchi ai siti web dei servizi governativi ucraini – La tensione tra Kiev e Mosca, accusata di aver pilotato l’operazione, sale alle stelle — Antonio Carzaniga, professore della Facoltà di Scienze informatiche dell’USI: «Potenziali conseguenze gravissime»

  • 5
    L’analisi

    No, la politica «zero-COVID» non è più attuale

    La telenovela Djokovic ha riportato sotto la luce dei riflettori la gestione della pandemia da parte dell’Australia: dal record di lockdown ai confini blindati per mesi e mesi, passando per il tentativo di eliminare del tutto il virus

  • 1