Image
Le stragi

Pallottole e sangue negli USA: «Determinante il contesto politico»

Dalla sparatoria di Gilroy a quelle, nel weekend, in Texas e Ohio: ma i casi registrati quest’anno sono già 251 - L’esperto Giampiero Gramaglia: «Aumentato il numero di americani che chiedono maggiori controlli sulle armi»

Ventinove morti, decine di feriti. È questo il conto delle due stragi avvenute, a distanza di poche ore l’una dall’altra, nel weekend negli Stati Uniti. E sullo sfondo ancora non erano svaniti i fantasmi delle vittime, tra cui un bambino di sei anni, della sparatoria di Gilroy. Tanti, troppi morti. Un caso? Ci aiuta a trovare una risposta Giampiero Gramaglia, direttore di AffarInternazionali,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1