Image
Alpinismo

«Per un sogno si vive, ma non si deve morire»

Simone Moro è salito due volte sul Nanga Parbat, una d’estate e una d’inverno e commenta la disavventura dei due colleghi dispersi da giorni

Con la montagna non si scherza. Mai. Vale per chi non la conosce, ma anche per chi la conosce benissimo. Perché uccide. Ce lo ricorda oggi, ancora, Simone Moro, un’istituzione dell’alpinismo mondiale, l’uomo dei record, che si spinge più in là: non si può neppure sfidare, la montagna. Non si sfida la natura. Lo ha invece fatto Daniele Nardi, che con una caparbietà difficile da comprendere...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1
    VAR

    Sembra la NASA, invece è Volketswil

    Tutto pronto per il tanto atteso e discusso debutto della tecnologia di assistenza agli arbitri in Super League - Il responsabile della formazione Hellmut Krug: «Sarà necessaria un’applicazione il più possibile uniforme»

  • 2
  • 3
    Orologeria

    Per Swatch un consolidamento a livelli elevati

    Nel primo semestre fatturato in flessione del 4,4%, ma gioca l’effetto base - Kever: «Sul futuro rimaniamo positivi» - Pesenti: «Il settore si sta riprendendo, nel 2018 creati 3 mila posti»

  • 4
    UNESCO

    Gli onori e gli oneri di un’etichetta

    Entrare a far parte del patrimonio mondiale concede indubbi benefici ma comporta anche grossi rischi - Ecco cosa fa l’organizzazione per limitare un’eccessiva apertura e garantire il prestigio del proprio marchio

  • 5
  • 1