Image
Il reportage

Quando nei bar di Bodio si parlava il sardo e anche i pollai erano abitati

In paese incontriamo degli ex operai della Monteforno che ricordano fatica e soddisfazioni - «Ora il paese è morto, le imprese chiudono e i giovani scappano, c’è vita solo nei bordelli»

La Monteforno è morta nel 1994 ma il suo fantasma tormenta ancora la Leventina, ricordandole un periodo florido, quando l’industria pesante trainava l’economia e attirava in Ticino lavoratori d’ogni dove (soprattutto dall’Italia, Sardegna in testa, da Polonia, Ungheria, ecc.). «L’azienda era una miniera d’oro negli anni del boom economico», afferma Gildo Ducoli, elettricista di...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1
  • 2
    Italia

    Crisi di governo, la parola a Mattarella

    Il premier Conte interviene in Senato sparando a zero su Salvini, poi sale al Quirinale per le dimissioni - La palla ora è nelle mani del capo dello Stato - In serata la Lega decide di ritirare la mozione di sfiducia

  • 3
    Il fatto

    Quando a violare la legge è il poliziotto

    Fanno discutere i vari casi di poliziotti finiti al centro di inchieste penali e di processi, ripercorriamo quelli più recenti - Le impressioni di Norman Gobbi, Dimitri Bossalini e Paolo Bernasconi al riguardo

  • 4
  • 5
    Il fatto

    Se nel regalino al politico si nasconde un interesse

    «Al Festival di Locarno rendiamo sempre attenti gli ospiti alle regole vigenti», racconta Massimo Solari - Dopo alcuni scandali legati alla corruzione si cerca infatti di non lasciare più nulla al caso, ma Transparency International aggiunge: «C’è ancora da lavorare»

  • 1