Image
Il reportage

Quando nei bar di Bodio si parlava il sardo e anche i pollai erano abitati

In paese incontriamo degli ex operai della Monteforno che ricordano fatica e soddisfazioni - «Ora il paese è morto, le imprese chiudono e i giovani scappano, c’è vita solo nei bordelli»

La Monteforno è morta nel 1994 ma il suo fantasma tormenta ancora la Leventina, ricordandole un periodo florido, quando l’industria pesante trainava l’economia e attirava in Ticino lavoratori d’ogni dove (soprattutto dall’Italia, Sardegna in testa, da Polonia, Ungheria, ecc.). «L’azienda era una miniera d’oro negli anni del boom economico», afferma Gildo Ducoli, elettricista di...

©CdT.ch - Riproduzione riservata

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1