Quell’ostinata ricerca
di un «lato oscuro»

Scienza

Mai come in quest’epoca della comunicazione si diffonde la mania e la ricerca di prove dei mille complotti che condizionerebbero la nostra vita

Quell’ostinata ricerca<br />di un «lato oscuro»

Quell’ostinata ricerca
di un «lato oscuro»

Saper guardare oltre le apparenze è una facoltà umana fondamentale, una capacità oggi ridotta a farsa dalla mania dei complotti. Proprio perché cospirazioni e secondi fini esistono davvero, come esistono i segreti di Stato, i cartelli economici illegali, i lobbisti di mestiere e i gruppi d’influenza. Lo scandalo Volkswagen, i Panama Papers o le rivelazioni di Edward Snowden e di Wikileaks, non sono fandonie e di certo legittimano il sospetto sulla buona fede di chi governa la politica e l’economia. Tuttavia, ciò non basta a spiegare il ventaglio di complotti vieppiù bizzarri cui abbocca l’homo credens contemporaneo. Inutile negarlo, a tutti è capitato di inquietarsi per qualche complotto rivelatosi poi una bufala. Non c’è nulla di male. Sembra che il nostro cervello sia fatto per cascarci....

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1
  • 1