Image
Lugano dimenticata

Quelle «sventurate»
che partorivano in collina

Dal fondo inedito di Casa Santa Elisabetta spunta un «melting pot» di ragazze madri

Nei locali in via Borromini 13 si incontrava un’umanità varia per provenienza geografica e sociale, accomunata dal famoso «incidente» e da una famiglia riluttante ad accettarlo. In particolare, dai documenti ingialliti e inediti dei primi decenni d’esistenza dell’istituto spuntano storie di ragazze d’oltreconfine venute nel Cantone per lavoro (donne di servizio, cameriere, ecc.)...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1
  • 2
    VAR

    Sembra la NASA, invece è Volketswil

    Tutto pronto per il tanto atteso e discusso debutto della tecnologia di assistenza agli arbitri in Super League - Il responsabile della formazione Hellmut Krug: «Sarà necessaria un’applicazione il più possibile uniforme»

  • 3
  • 4
    Orologeria

    Per Swatch un consolidamento a livelli elevati

    Nel primo semestre fatturato in flessione del 4,4%, ma gioca l’effetto base - Kever: «Sul futuro rimaniamo positivi» - Pesenti: «Il settore si sta riprendendo, nel 2018 creati 3 mila posti»

  • 5
    UNESCO

    Gli onori e gli oneri di un’etichetta

    Entrare a far parte del patrimonio mondiale concede indubbi benefici ma comporta anche grossi rischi - Ecco cosa fa l’organizzazione per limitare un’eccessiva apertura e garantire il prestigio del proprio marchio

  • 1