È caduto il ponte, ma non Genova. Genova non si lascia abbattere. Città tosta. È passato un anno da quella assurda tragedia, non il dolore. Un dolore che da quelle parti non viene sottovalutato, ma su cui già si sta iniziando a costruire il futuro. Genova vuole guardare già oltre, al ponte che verrà, senza farsi ingabbiare dai propri fantasmi. Non lo ha mai fatto, non lo farà di certo ora, anche se il ricordo è ancora fresco e ancora non si è del tutto cicatrizzato.

Maurizio Maggiani è lo scrittore della Genova contemporanea. La città che lo ha adottato emerge nei suoi romanzi, così come nei suoi toni. Il 14 agosto del 2018 era stato intervistato a caldo da Il Manifesto. Tra le altre cose, raccontava: «A Genova, che ha una vocazione industriale, c’era anche orgoglio per quel ponte venuto su...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1