Gli stereotipi negativi sulla donna emersi nei trattati del Settecento dovevano essere radicati anche nel neonato Ticino se li troviamo plasticamente realizzati nei personaggi femminili di una pièce scritta e pensata per il pubblico cantonale, «La baronessa immaginaria. Burletta per musica in due atti da rappresentarsi nel Teatro di Lugano per la fiera dell’anno 1808» stampato nel medesimo anno da Francesco Veladini. Nella seconda scena troviamo ad esempio Ernestina, perfetto prototipo della donna sciocca, vanitosa e avida: «Più mi guardo e più piaccio a me stessa - dice l’attrice, che vuole accasarsi con un uomo di rango nobile, un Marchesino. «Non importa - aggiunge - che il marito poco piaccia agl’occhj miei, se mi sazia l’appetito d’acquistar la nobiltà». Non meno infida appare Lisetta,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1
  • 2
    domande e risposte

    In vacanza con il pass svizzero

    Sarà l’Ufficio federale dell’informatica a realizzare entro fine giugno il sistema per l’emissione di un certificato COVID - Sarà sicuro e compatibile con il «green pass» europeo, ma il nostro Paese rischia di arrivare tardi

  • 3
    Dopo gli Swiss Press Award 21

    La Svizzera negli occhi dei suoi migliori giornalisti

    Gli oltre 500 lavori presentati per le candidature al prestigioso premio dei professionisti dei media sono uno straordinario serbatoio di temi e suggestioni sul nostro Paese - Ecco alcuni esempi

  • 4
    Vaccini

    Brevetti liberi, dibattito aperto

    Il mondo vede una possibile svolta globale grazie all’idea di sospendere la proprietà intellettuale sui prodotti anti-COVID, ma l’esperto frena: «Non sono certo che indurrà una crescita esponenziale della produzione» dice Federico Spandonaro, professore di Economia sanitaria all’Università di Roma Tor Vergata

  • 5
    Social media

    Facebook tiene fuori Trump

    Il consiglio di sorveglianza dell’azienda americana ha confermato la messa al bando dell’ex presidente - Si torna quindi a parlare di libertà di parola e di censura - Joseph Russomanno (Arizona State University): «Vogliamo una discussione libera ma senza incitamenti alla violenza»

  • 1