Rinegoziazioni o nuovo referendum:
le opzioni per evitare il «no deal»

L’ANALISI

Ma Bruxelles non sempre intenzionata a cedere, soprattutto sulla questione irlandese

 Rinegoziazioni o nuovo referendum:<br />le opzioni per evitare il «no deal»
Un manifestante pro-UE manifesta davanti alla House of Parliament di Londra, dove oggi è in programma un voto cruciale per gli sviluppi della Brexit (Foto Keystone).

Rinegoziazioni o nuovo referendum:
le opzioni per evitare il «no deal»

Un manifestante pro-UE manifesta davanti alla House of Parliament di Londra, dove oggi è in programma un voto cruciale per gli sviluppi della Brexit (Foto Keystone).

Fin dalla clamorosa approvazione del referendum sulla Brexit, che sancì la volontà del popolo britannico di abbandonare l’Unione Europea, è stato evidente che la questione nordirlandese sarebbe stata uno dei temi centrali dei negoziati di «divorzio». Tanto il Regno Unito quanto l’UE hanno infatti immediatamente espresso il desiderio di non turbare una situazione delicata che ha trovato una certa stabilità, dopo le terribili violenze che hanno caratterizzato l’Irlanda del Nord nella seconda metà del secolo scorso. La volontà comune era dunque quella di accompagnare alla Brexit un «backstop», inteso come un non meglio specificato meccanismo che permettesse temporaneamente di evitare la reintroduzione della frontiera fisica tra Eire e le sei contee, finché non si fosse trovata una soluzione...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1

    Mattoncini senza stereotipi

    società

    La scrittrice Bianca Pitzorno commenta la decisione di LEGO di eliminare dai suoi giocattoli l’etichetta “per bambino” o “per bambina” - «Vedo una società cambiata e pronta a scardinare questa differenziazione di genere» - Ma nelle scelte professionali tale retaggio resiste

  • 2

    Gli Stati Uniti fanno i conti con la paralisi della supply chain

    Il reportage

    Gli USA si trovano confrontati con porti affollati, scaffali vuoti e ritardi nelle consegne – I giganti del commercio sono in affanno – Il presidente Joe Biden ha trovato un accordo con i sindacati per far funzionare due scali californiani 24 ore al giorno e 7 giorni su 7 per smaltire il traffico

  • 3
  • 4

    Agitato, non mescolato e corretto

    Il caso

    Il regista dell’ultimo episodio della storica saga spy ha affermato che il protagonista dei primi episodi era sostanzialmente uno stupratore - Ne discutiamo con Gloria Dagnino, docente all’Istituto media e giornalismo dell’USI, partendo da queste dichiarazioni e analizzando i cambiamenti etici lungo l’evoluzione della cinematografia

  • 5

    Occhio a postare le foto dei vostri figli sui social, da grandi potrebbero non gradire

    diritto all’immagine

    Scatta l’iniziativa per sensibilizzare i genitori sull’importanza di tutelare i minori e riflettere sulla loro reputazione online – Secondo uno studio il 45% dei giovani svizzeri ha subito violazioni della sfera privata da parte dei parenti – Martina Robbiani dell’Ufficio federale delle assicurazioni sociali: «Siate prudenti anche se applicate una emoticon sulla faccia di vostro figlio»

  • 1
  • 1