Ci voleva una boccata di aria fresca, in Formula 1. Charles Leclerc, trionfando a Monza con la Ferrari, ce l’ha regalata, riportandoci sia ai fasti, sia agli entusiasmi di un tempo. Al punto da farci ripensare alla prima invasione dell’Autodromo, scatenata da Clay Regazzoni quando vinse nel 1970. Quella fu una manifestazione di gioia incredibile. Allora i tifosi dovettero scavalcare reti e muretti, con la polizia che per un po’ tentò di contenere la folla e poi lasciò perdere. Oggi le invasioni sono autorizzate, ma quella di domenica è stata comunque uno spettacolo dentro lo spettacolo.

Sì perché da anni si andava a senso unico, con i successi a turno dei piloti Mercedes, la marca dominatrice da quando sono entrati in campo i motori ibridi. Lewis Hamilton è stato colui che, con le nuove tecnologie,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1