Image
Il fatto

Se nel regalino al politico si nasconde un interesse

«Al Festival di Locarno rendiamo sempre attenti gli ospiti alle regole vigenti», racconta Massimo Solari - Dopo alcuni scandali legati alla corruzione si cerca infatti di non lasciare più nulla al caso, ma Transparency International aggiunge: «C’è ancora da lavorare»

Il Festival di Locarno ha da sempre più volti. Anche quest’anno ha vissuto di mattinate pigre, popolate da cinefili con l’accredito al collo, si è acceso tra pomeriggi caldi, fatti di spostamenti sudaticci, di film in concorso, per diventare finalmente popolare la sera, con la piazza brulicante di persone, luogo di incontri tra l’appassionato e il mondano. E poi ci sono state le...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1
    Città

    Un caffè nel futuro dell’autogestione?

    Secondo la municipale di Lugano Zanini Barzaghi è ancora possibile trovare una forma di convivenza all’ex Macello - Più duro il vicesindaco Bertini: «No ai ricatti»

  • 2
    Allattamento

    Un legame atteso, non un ricatto

    Al via oggi la Settimana mondiale - La psicologa: «La relazione madre-figlio è messa alla prova dalla società contemporanea»

  • 3
  • 4
  • 5
    Verso le elezioni

    In Svizzera l’identità resta garantita

    Una riflessione sullo stato di salute della politica nazionale in vista delle federali e di fronte alle diverse alleanze - Il politologo Marc Bühlmann: «Sarebbe un problema per la democrazia se non ci fossero tante possibili coalizioni»

  • 1