Non serve una laurea in economia: se ci sono sempre più appartamenti vuoti, gli affitti dovrebbero diminuire. È quello che sta succedendo? La situazione, in generale, è sostenibile per una famiglia media? Domande che si accavallano mentre osserviamo le statistiche sullo sfitto nel Luganese, che continua a crescere.Istituzioni scatenateLe cifre dei primi sei mesi del 2020 confermano una tendenza in atto da tempo: basti pensare che il numero di abitazioni senza inquilini nel distretto sono passate dalle 608 del 2014 alle 2.517 della prima metà di quest’anno. La sola Lugano a giugno ha raggiunto i 1.275 campanelli senza nome. «La crescita dello sfitto tocca tutta la Svizzera, ad eccezione delle zone ‘calde’ di Zurigo e Ginevra». Fatta questa premessa, il segretario della SVIT Ticino Alberto Montorfani,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1