«Ho molto odiato nella mia vita precedente. Ora non odio più. Non perdono, non posso perdonare, ma non odio. Se si è madre non si può odiare». Parola di Liliana Segre che affronta in questo modo un tema spinoso per le grandi religioni, divise tra giustizia divina e misericordia celeste. Ma Dio punisce o perdona?

Argomento delicato quello del perdono nelle religioni: ci sarà modo di capirne di più mercoledì prossimo grazie a un incontro pubblico tra esperti organizzato dalla Goren Monti Ferrari Foundation in collaborazione con il Corriere del Ticino, la Facoltà di Teologia, l’USI e con il Patrocinio del Comune di Lugano.

La presa di posizione di Liliana Segre (sopra, nella foto CdT) risale a pochi giorni fa. L’ha mandata via video il 21 gennaio al convegno della Polizia italiana Le vittime dell’odio....

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1