La storia, più o meno, è nota. Era il 21 marzo del 2006 e Jack Dorsey, all’epoca sviluppatore rampante, testava Twitter. «Sto impostando il mio twttr». Il primo cinguettio della storia, già. Il social vero e proprio, tuttavia, venne lanciato il 15 luglio dello stesso anno. Quindici anni fa. Dorsey, nel frattempo, ha messo all’asta quel tweet con una certificazione tramite blockchain.

Twitter, soprattutto, negli anni è cambiato. Si è evoluto. Diventando una piattaforma diversa rispetto alle intenzioni iniziali. La crescita, in ogni caso, è stata netta. Apprezzato dai politici, è usato tantissimo dai giornalisti. In svariate occasioni è stato testimone e megafono di eventi: le primavere arabe, la cattura di Osama Bin Laden, e ancora l’elezione di Donald Trump nel 2016.

Le sfide, quindici anni...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1
    La storia

    Il TGV compie quarant’anni a tutta velocità

    L’iconico treno francese fu inaugurato il 22 settembre del 1981 da François Mitterrand: simbolo di «grandeur» e sviluppo tecnologico, continua a ridisegnare il Paese – Dal 2024 inizieranno a circolare i convogli di nuova generazione

  • 2
    Il personaggio

    Luca Frei, un caleidoscopio in continuo divenire

    A tu per tu con uno degli artisti più interessanti della scena contemporanea: nato a Lugano, vive a Malmö in Svezia e insegna all’Accademia reale danese di belle arti a Copenaghen

  • 3
    Scienza

    Bios+, là dove converge la ricerca

    È stata presentata a Bellinzona l’associazione costituita dall’IRB e dallo IOR - Lo scopo: promuovere e coordinare le attività, creando sinergie a livello scientifico e organizzativo - Si è parlato di un «primo e ambizioso passo nel processo di avvicinamento dei due istituti»

  • 4
    Il caso

    «Basta ammazzare delfini, il governo danese intervenga»

    Natalie Maspoli Taylor, direttrice di Sea Shepherd Svizzera, interviene a gamba tesa dopo la mattanza di cetacei avvenuta domenica alle Isole Faroe: «Ci sono troppe contraddizioni in questa storia, il discorso della tradizione e del sostentamento della popolazione non regge»

  • 5
    Ambiente e territorio

    Storia del lupo, l’alter ego simbolico dell’uomo

    Dopo secoli l’animale più temuto della tradizione popolare è di nuovo insediato sui rilievi alpini – La convivenza con gli allevatori e i contadini resta tuttavia difficile – Il peso del messaggio neotestamentario

  • 1