Il Ticino e la mobilità lenta hanno un rapporto difficile, tormentato. Da un lato ci sono la particolare conformazione geografica del nostro cantone e una pianificazione urbana carente, spesso eredità del passato. Dall’altra, le automobili. Tante. Troppe. Un esempio? I ticinesi sono un popolo di motorizzati: secondo i dati pubblicati dall’Ufficio federale di statistica (UST) a fine gennaio, ci sono 635 mezzi immatricolati ogni 1.000 abitanti. Tradotto: siamo il quarto cantone per densità di automobili. In mezzo a questo panorama non esattamente esaltante ci sono pedoni e biciclette, costretti a vivere ai margini del traffico veicolare. Prendendo spunto dalla conferenza stampa indetta ieri dall’ATA (vedi articolo a fianco), abbiamo voluto fare il punto della situazione sulle piste ciclabili...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1