Viviamo immersi dentro un patrimonio culturale che spesso ignoriamo e a volte prendiamo (metaforicamente) a calci. Molti villaggi ticinesi che per decenni hanno avallato la speculazione edilizia, oggi si risvegliano rendendosi conto di non avere tutelato a sufficienza i propri tesori. E corrono ai ripari. Come nel caso di Castel San Pietro.

L’occasione per parlare di questo tema...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1