L’imponente macchina logistica per la campagna di vaccinazione anti-COVID si è messa in moto anche in Svizzera. La Confederazione, tramite la farmacia dell’esercito, sta approntando le strutture che riceveranno i primi vaccini. In seguito, come vedremo, saranno i singoli Cantoni a dover gestire i prodotti e somministrare le dosi alla popolazione. Entriamo allora nei dettagli di tutta l’operazione, cominciando dalle fondamenta: l’autorizzazione per un vaccino da parte di Swissmedic.

Attendendo il 21 di dicembre

Ad oggi, l’autorità di controllo dei farmaci svizzera non ha ancora omologato alcun vaccino anti-COVID. Una decisione in tal senso avverrà verosimilmente nei giorni dell’OK (se di OK si tratterà, è bene sottolinearlo) dell’EMA, l’Agenzia europea per i medicinali. Ebbene, l’EMA darà un...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1