In Lussemburgo chiunque salga su un mezzo pubblico viaggia ormai gratuitamente. Non importa se sia residente o meno nel Granducato o ne abbia la nazionalità oppure no.

Quello della gratuità dei trasporti collettivi è un tema di cui si discute anche in Ticino, cantone dove l’implementazione estesa di analoghe misure per ora è una sorta di miraggio. Come nel caso di Lugano, il cui Municipio, nel suo preavviso al riguardo di una mozione intitolata «Trasporto pubblico: gratuito per i giovani residenti!», ha evidenziato quanto sia difficile poter sopportare i relativi costi.

Oggi focalizziamo l’attenzione su ciò che si sta facendo nel Granducato a proposito della mobilità. Per quanto riguarda invece analogie e differenze fra il Lussemburgo e la nostra realtà contiamo di poterne parlare presto con...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1
  • 2
    L’ANALISI

    Sfitto su e affitti giù? Sì, però...

    A Lugano l’aumento dellle abitazioni vuote alimenta la speranza di trovare una sistemazione a canoni più favorevoli - Gli affitti negli ultimi quattro anni sono calati, ma prima erano cresciuti

  • 3
    dopo le elezioni

    Negli USA l’incubo si dirada

    La direttrice della General Services Administration dà il via libera al processo di transizione - Il Paese tira un sospiro di sollievo e Wall Street reagisce con ottimismo, ma Donald Trump non alza ancora bandiera bianca, consolato dal forte sostegno popolare

  • 4
  • 5
    L’anniversario

    L’eredità linguistica di Carlo Salvioni

    Cent’anni fa, nell’autunno del 1920, si spegneva l’insigne glottologo ticinese, fondatore del «Vocabolario dei dialetti della Svizzera italiana», ma anche il patrocinatore di un approccio all’indagine etimologica basato sulla più rigorosa prudenza scientifica

  • 1