Signor Vogt, Governo e Parlamento hanno stanziato per ora 57 miliardi di franchi per fare fronte alla crisi e adottato una serie di misure. Va bene così o andava fatto di più?

«In occasione della sessione straordinaria il Parlamento ha appoggiato il Consiglio federale e ha approvato prestiti per miliardi di franchi, che corrispondono alla metà dell’odierno debito federale. L’enorme aiuto si giustifica perché l’economia è stata colpita contemporaneamente da uno shock della domanda e dell’offerta. A differenza della maggior parte delle recessioni, questa volta non soffrono solo gli investimenti e la domanda dei consumatori, ma è crollata anche l’offerta, si pensi alla gastronomia o al turismo. A dipendenza dell’evoluzione della crisi, la fattura potrebbe essere molto più alta. Secondo le stime...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1