Si parla molto del ruolo della scienza nella lettura del momento. La mancanza di molte sicurezze sul coronavirus di certo non è una sconfitta della scienza.

«Uno degli effetti più evidenti dell’emergenza è stato infatti un forte aumento di fiducia nella scienza. Sia da parte dell’opinione pubblica che da parte dei governanti. C’è una grande attenzione a cosa dicono epidemiologi, medici, e altri scienziati. Molti governi continuano a ripetere che non prendono decisioni senza consultare la scienza, cosa che prima non avevo mai sentito. Inoltre, le voci delle minoranza antiscientifiche come le persone contro i vaccini sono sparite: oggi tutti vorrebbero più vaccini di quelli che abbiamo. La scienza poi non sa tutto, ovviamente. Altrimenti non ci sarebbero più le malattie, e noi saremmo immortali....

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1