In Afghanistan da anni si parla, sottovoce, di un nuovo conflitto. Una guerra differente da quelle viste finora. È lo scontro fra sciiti e sunniti, fomentato da forze esterne. Ma quali indizi e quali prove esistono di questa guerra fino ad oggi poco visibile?

Dal 2017, quando il gruppo fondamentalista sunnita Stato Islamico Khorasan (ISK), affiliato dell’ISIS in Afghanistan, ha cominciato a prendere di mira moschee, raduni e quartieri sciiti (in particolare quelli del gruppo etnico hazara), in tutto il Paese, questi hanno cominciato ad armarsi per conto loro visto che il Governo non è stato capace di proteggerli. E così, le voci di un nuovo conflitto sono diventate più insistenti. Ma nessuno sembrava volerci fare caso. In un eventuale scontro diretto contro l’ISIS avrebbe un ruolo centrale spetterebbe...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1