Ottantuno vittime. Nomi e cognomi, fratelli e sorelle, madri, padri, nonni, figli. Volti, vite, storie. Tutti portati via da una strage che oggi – a 40 anni di distanza – ancora non ha una spiegazione. Ustica risuona continuamente nella memoria italiana, un dramma collettivo, perché oltre al dolore dei famigliari si è aggiunto quello di un intero Paese. È stato, e continua a essere, il fallimento di una intera classe politica. Quarant’anni, sì. Senza uno straccio di verità. O meglio: ci sono tanti piccoli pezzi di verità che si intrecciano, si sommano, spesso si confondono, ma che non diventano un nome. Non diventano un colpevole.

L’intervento esterno

Nei giorni scorsi, nella lunga volata che ha portato a questo ennesimo triste anniversario, è stato riesumato un file audio. Una registrazione...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1
    Il reportage

    Una mamma e una bimba ticinesi e il loro «normalissimo» Israele

    Sembra quasi impossibile parlare di Israele in termini che non siano quelli dell’analisi politica e/o bellica - Eppure, per la ticinese Myriam di Marco Israele è qualcosa di intimo e vicino, come attesta il suo libro «Mamma ritorneremo? Il mio normalissimo Israele», edizioni San Paolo

  • 2
  • 3
    clima, scienza ed economia

    Arriverà il giorno in cui potremo volare a «emissioni zero»?

    Quali sono le opzioni a nostra disposizione per concretizzare il sogno del volo «green»? Ne parliamo con Marco Mazzotti, professore all’ETH ed esperto di cattura e stoccaggio di CO2, e Marco Giovanniello, esperto d’aviazione e già attivo presso SEA, società che gestisce gli scali milanesi

  • 4
  • 5
    E-commerce

    L’algoritmo di Google cambia forma

    A partire da questo mese ci saranno grandi cambiamenti sui posizionamenti su Google dei siti di vendita online: decisiva sarà la cosiddetta «user experience» dell’utente - Con Ale Agostini (AvantGrade.com) il punto sui principali attori attivi in Ticino

  • 1