Come viene narrata l’Italia fuori dai confini nazionali? E che cosa spinge i lettori stranieri ad avvicinarsi ai libri scritti e ai film prodotti al di là del confine? Il tema, quanto mai attuale soprattutto alle nostre latitudini, dove le critiche volte a frenare una deriva non rispettosa delle differenze linguistiche nazionali abbondano (e da italofoni ma anche non, ci sentiamo di dire: giustamente), è al centro del libro intitolato À l’italienne. Narrazioni dell’italianità dagli anni Ottanta ad oggi recentemente edito da Carocci e curato da Niccolò Scaffai e Nelly Valsangiacomo.

«Tutto nasce dal fatto di lavorare con testi sia letterari sia di documentazione storica che hanno a che fare con l’Italia percepita fuori dall’Italia, compreso il Paese in cui mi trovo a lavorare, ovvero la Svizzera»,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1