«Addio Lugano bella... – recita la canzone – gli anarchici van via». A quanto pare non solo gli anarchici. La fuga – o meglio fughetta: i 565 abitanti persi nel 2019 sono lo 0,8% della popolazione – è ormai una tendenza e in quanto tale non può passare inosservata fra le mura di Palazzo civico. La domanda è se questa tendenza è da considerarsi preoccupante o no. «Solo fino a un certo punto» esordisce il sindaco Marco Borradori commentando le statistiche. «Evidentemente avere un saldo positivo sarebbe più rallegrante, ma tutte le città del mondo sono soggette a cicli: in alcuni anni salgono, in altri scendono». Da capire per quali motivi Lugano si trova nella fase down e come porle fine. «Ma per fare questo dobbiamo sapere chi è andato via, dove – su queste colonne abbiamo già approfondito il...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1