Siamo soliti pensare che nel cinema i film di maggior successo siano di matrice hollywoodiana. Tuttavia, da decenni, molti Paesi hanno conosciuto la nascita di una produzione cinematografica locale. Con l’arrivo di nuove tecnologie e il calo dei prezzi delle apparecchiature, è stato possibile anche in realtà con pochi mezzi. Se i set più famosi sono Bollywood, in India, o Nollywood, in Nigeria, dal nulla ne sono emersi alcuni di inaspettato successo. È il caso dell’Uganda, Paese dell’Africa orientale, dove è nata una vera e propria «Cinecittà» in mezzo a una bidonville di Kampala: si chiama Wakaliga, ma è stata soprannominata Wakaliwood grazie alla Ramon Film Productions, casa di produzione fondata da Isaac Nabwana, soprannominato il «Tarantino» ugandese (nella foto sotto), e leader nella produzione...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1