La salute

Combattere il diabete
bevendo tè e caffè

Combattere il diabete <br />bevendo tè e caffè
Secondo uno studio giapponese, basterebbero poche tazze al giorno per ridurre sensibilmente la mortalità nei diabetici di tipo 2

Combattere il diabete
bevendo tè e caffè

Secondo uno studio giapponese, basterebbero poche tazze al giorno per ridurre sensibilmente la mortalità nei diabetici di tipo 2

Esistono abitudini in grado di cambiarci davvero la vita, specie per chi soffre di disturbi come il diabete. Piccole azioni che, se svolte con una certa regolarità, favoriscono il nostro benessere nel corso del tempo. Un esempio? Stando ad uno studio dell’Università di Fukuoka in Giappone, bere caffè e tè verde è in grado di aumentare l’aspettativa di vita nei pazienti affetti da diabete.

Loading the player...
GUARDA IL VIDEO — Combattere il diabete bevendo tè e caffè

La ricerca, apparsa sulla rivista Bmj Ioen Diabetes Research & Care e condotta da Yuji Komorita della Kyushu University, a Fukuoka, ha coinvolto ben 4.923 pazienti diabetici. Il loro stato di salute è stato monitorato per oltre cinque anni. Di norma le persone con questo disturbo tendono ad avere qualità e aspettativa di vita inferiori rispetto ai loro coetanei sani, perché tendono a sviluppare complicanze gravi di tipo cardiovascolare. Per questo motivo il loro stile di vita, alimentare e fisico, deve essere tenuto sotto controllo.

Analizzando, tramite un questionario, le abitudini dei pazienti con diabete di tipo 2, è emersa l’importanza del consumo di tè e caffè. Le morti tra i pazienti sono state 309 nel corso della ricerca, principalmente a causa di tumori e malattie cardiovascolari. In coloro che consumavano le bevande, tuttavia, il dato calava sensibilmente.

Analizzando le stime specifiche degli studiosi, si nota come una sola tazza di tè verde al giorno sia in grado di ridurre la mortalità del 15%, mentre due o tre del 27%. In chi ne assumeva da quattro in su, scendeva addirittura del 40%. Per quanto riguarda i bevitori di caffè, invece, una tazzina riduce il rischio del 19%, mentre due arrivano al 41%. Bevendole entrambe, poi, i benefici non fanno che sommarsi, tanto da arrivare a un tasso di mortalità inferiore del 63% con quattro tazze di tè e due di caffè.

I ricercatori ritengono che il segreto si nasconda dietro l’importante contenuto di antiossidanti e altre molecole attive. Una scoperta accolta con entusiasmo anche in Europa.

«Negli studi finora disponibili tale effetto era stato osservato essenzialmente nella popolazione non diabetica», ha precisato Rosalba Giacco della Società Italiana di Diabetologia. «Tali risultati sono plausibili in quanto vi sono sufficienti evidenze scientifiche del fatto che i polifenoli contenuti nel tè verde hanno effetti benefici a livello vascolare, ad esempio sulla riduzione della pressione arteriosa, e sul danno ossidativo – continua Giacco – Anche i polifenoli presenti nel caffè, quali acido clorogenico e caffeina, migliorano lo stress ossidativo e altri fattori di rischio cardio-metabolico».

Occhio però a non esagerare: «Va segnalato – conclude Giacco – che la caffeina aumenta la pressione arteriosa, quindi nonostante i benefici osservati in questo studio, nelle persone ipertese o con malattie cardiache, deve essere consumata con moderazione». Cerchiamo, dunque, di non eccedere le due tazzine al giorno: per ogni suggerimento più specifico, il consiglio è rivolgersi sempre al proprio medico o nutrizionista di fiducia.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Benessere
  • 1