I consigli

Mangia così per stare
in forma negli «anta»

Mangia così per stare <br />in forma negli «anta»
La prima cosa da evitare? Le abbuffate.

Mangia così per stare
in forma negli «anta»

La prima cosa da evitare? Le abbuffate.

Il rischio depressione per chi entra negli «anta» è dietro l’angolo. Per molti i 40 anni rappresentano un vero e proprio giro di boa. I cambiamenti dell’organismo sono evidenti: il metabolismo rallenta, gli eccessi a tavola si fanno sentire e il corpo perde parte della vitalità che aveva a 30. Ma questa fase della vita non è solo ombre. I 40 hanno anche tanti vantaggi: a quest’età si acquista maggior consapevolezza di sé e un pizzico di saggezza in più. Soprattutto, si può rimanere in perfetta forma senza l’ossessione della bilancia. Il segreto per vivere una seconda giovinezza è legato all’alimentazione. Bastano pochi semplici accorgimenti per mantenere la linea e custodire il proprio stato di benessere psicofisico.

La prima cosa da evitare sono le abbuffate. Il metabolismo fa più fatica e le scorpacciate di zuccheri e grassi si accumulano sulle zone più critiche.

Rinunciare al fumo

Meglio evitare le quantità eccessive e rinunciare a fumo e consumo smodato di alcol. Fermo restando che una costante attività fisica, anche solo di 30 minuti al giorno, è l’unico modo per mantenere la forma. Nel menu dei quarantenni non possono mancare alimenti ricchi di antiossidanti, che svolgono un’importante funzione anti-età combattendo la diffusione dei radicali liberi.

Questi cibi sarebbero anche antivirali e antinfiammatori, proteggerebbero dalla cardiopatia ischemica e fungerebbero da antitumorali. Sulle tavole di chi è entrato negli «anta» non dovrebbero mai mancare verdure quali spinaci, zucca, carote, peperoni e cavoli, oltre a frutta come cachi, mirtilli, albicocche, mele, lamponi, more e prugne. Altri ingredienti da utilizzare in abbondanza sono le spezie. Così si evita di utilizzare troppo sale, senza rinunciare al gusto.

Tra le più indicate per i quarantenni la curcuma. Si tratterebbe di un infiammatorio naturale, utile nella prevenzione di sindrome metabolica, del diabete e delle malattie osteoarticolari.

I pasti, poi, dovrebbero essere cinque al giorno. Vietato saltare per evitare che il metabolismo ne risenta, meglio tanti snack salutari e frequenti che poche, grandi abbuffate. I carboidrati sono ammessi a colazione e a pranzo, mentre per la cena si può optare per proteine magre o vegetali. L’importante è abbondare con frutta e verdura e privilegiare le cotture leggere. Per fugare ogni dubbio sul regime alimentare da seguire è consigliato recarsi da uno specialista. Il segreto per una nuova giovinezza è a portata di forchetta.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Benessere
  • 1