I suggerimenti

Arreda le tue stanze
come i professionisti

Arreda le tue stanze <br />come i professionisti
Per un risultato che faccia pensare all’intervento professionale di un architetto d’interni, occorre avere come priorità l’armonia dell’insieme

Arreda le tue stanze
come i professionisti

Per un risultato che faccia pensare all’intervento professionale di un architetto d’interni, occorre avere come priorità l’armonia dell’insieme

Quando si ha appena acquistato casa, o si desidera rinnovarla un po’, non è indispensabile coinvolgere un architetto d’interni: se si hanno le idee chiare può essere stimolante procedere in autonomia.

Ecco alcuni consigli-tutorial per progettare l’arredamento di un’abitazione o il restyling di un qualsiasi ambiente con l’occhio di un professionista. La prima mossa è valutare come gli spazi possano essere utilizzati in maniera ottimale, domandandosi se ogni elemento già presente è davvero utile e, allo stesso modo, se non sarebbero necessarie aggiunte. Per esempio si può decidere di eliminare porte, di spostare termosifoni o anche di realizzare un controsoffitto che delimiti esteticamente aree diverse. Tutte piccole opere che coniugando esigenze, desideri e gusto donano alla casa maggiore comfort.

Dopo questa fase e prima di cominciare con l’arredo vero e proprio, occorre scegliere la palette di colori che si desidera utilizzare. Stile e personalità possono essere espressi vestendo le pareti con pittura e carta da parati. L’importante è tenere conto di alcuni trucchi: tonalità chiare per rendere gli ambienti più ampi e luminosi, quelle accese solo in zone limitate.
Un altro stratagemma in caso di stanze piccole è di inserire specchi come oggetti d’arredo, che regalano luminosità e profondità. Se invece si vuole creare l’effetto ottico di un soffitto più alto, il segreto è scegliere arredi bassi, quindi librerie tavolini e divani che lascino parte delle pareti libere.

Per quanto riguarda i complementi, per un risultato che faccia pensare all’intervento professionale di un interior designer, occorre avere come priorità l’armonia dell’insieme. Tutti gli elementi devono essere selezionati con cura, specialmente i tessili come cuscini, tappeti e tendaggi, che non devono essere troppo semplici ed economici, ma non per questo sofisticati. A far la differenza è la trama del tessuto: se spessa trasmette una sensazione di calore; se lucida e leggera comunica freschezza e riflette la luce. Non devono poi mancare degli oggetti di design un po’ audaci, per esempio vasi e piccole sculture. Ovviamente non devono essere scelti perché di tendenza, ma per il fatto che esprimono il proprio gusto personale. Un’idea è di raccoglierli negli anni, magari durante viaggi e vacanze, e di accostarli a cornici con foto ricordo e stampe. In ciò non bisogna eccedere: questi pezzi vanno inseriti con parsimonia con il solo scopo di vivacizzare una base d’arredo neutra o per dare carattere ad alcune zone delle stanze. L’obiettivo finale dell’arredamento deve essere infatti solo uno: creare spazi e ambienti che rispecchino sé stessi e facciano sentire a proprio agio.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Casa
  • 1