Consigli

Casa dolce casa...
cambiando si migliora

Casa dolce casa... <br />cambiando si migliora
Buone notizie: per dare un grande tocco di novità bastano piccole accortezze

Casa dolce casa...
cambiando si migliora

Buone notizie: per dare un grande tocco di novità bastano piccole accortezze

Le vacanze estive sono ormai finite e l’autunno è alle porte. Un periodo per molte persone triste, ma può che essere vivacizzato riempiendo la propria abitazione di colori e novità! Con il termine decluttering si intende la capacità di mantenere ordine e lustro in casa senza dover fare ogni volta le «pulizie di Pasqua». Affinché ciò si realizzi davvero una delle prime regole da seguire è sbarazzarsi di tutti quegli oggetti in più, magari comprati tanto tempo fa pensando alla loro potenziale utilità e poi, all’atto pratico, rimasti lì soltanto a prendere polvere.

Si tratta di un’operazione semplice, ma ad alcuni appare sicuramente più complessa del previsto perché a volte ci vogliono forza e coraggio – soprattutto a livello psicologico – per distaccarsi dalle proprie cose. Eppure grazie al decluttering non solo si rispetta di più l’ambiente domestico mantenendo appunto ordine e pulizia, ma si abbelliscono maggiormente anche gli spazi stessi, rendendo il look del proprio «nido» più di design.

Quando poi si guarda la solita vecchia cucina, graziosa ma forse non più di moda, prima di rivoluzionare tutto mettendo mano al portafogli sarebbe il caso di fermarsi un attimo a riflettere. L’osservazione di ciò che si ha attorno, infatti, aiuta ad identificare meglio sia i punti di forza che quelli di debolezza di qualsiasi cosa. Si tratta di un modo semplice per guardare la propria casa come se non si fosse mai vista prima.

Ad esempio, se il pro di quella specifica stanza è una bella illuminazione naturale che filtra dalle ampie finestre, si possono mettere in evidenza proprio quegli elementi che risaltano quando vengono colpiti dal sole, come una colorata orchidea in fiore. E magari, allo stesso tempo, è bene nascondere dietro agli angoli meno in vista tutto ciò che è utile ma non necessariamente piacevole da guardare. Mimetizzare eventuali punti negativi come oggetti o intere porzioni di spazio – dai detersivi ai corridoi bui fino alle zone multifunzionali non ben definite – è un ottimo metodo per mettere in evidenza le parti migliori della casa.

Se poi si amano le cose in grande bisognerebbe aggiungere il cosiddetto «effetto wow!», come quando nella camera matrimoniale classicamente imbiancata, una sola parete viene ricoperta con una carta da parati, magari anche materica ad effetto 3D, che dia sfogo alla creatività. Da provare è anche l’uso del paravento, decorato in stile giapponese per dare un tocco orientale all’ambiente.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Casa
  • 1