Tutorial

Gli errori da evitare
quando si pulisce casa

Gli errori da evitare <br />quando si pulisce casa
Cominciare dal pavimento e utilizzare gli stessi panni per tutti gli ambienti: sono solo alcuni dei passi falsi a cui va prestata attenzione

Gli errori da evitare
quando si pulisce casa

Cominciare dal pavimento e utilizzare gli stessi panni per tutti gli ambienti: sono solo alcuni dei passi falsi a cui va prestata attenzione

Pulire con cura la propria casa per molti è un’operazione noiosa, per altri è invece più simile ad un passatempo. In entrambi i casi si tratta di un’operazione fondamentale per tenere ben igienizzato l’ambiente domestico, regolando un comfort abitativo elevato. In tanti considerano le pulizie un’incombenza semplice, anche se faticosa: tuttavia ci sono alcune trappole – frutto di abitudini radicate o di gesti che si fanno sovrappensiero – in cui è bene non cadere.

Loading the player...
GUARDA IL VIDEO CON TUTTI I CONSIGLI!

I meno esperti, ad esempio, cominciano dal basso, ovvero dal pavimento, per poi passare a mobili e lampadari. Ma così facendo si rischia di far cadere la polvere presente sui complementi d’arredo sulla superficie appena pulita. L’ordine corretto è dunque spolverare i mobili, utilizzare l’aspirapolvere e passare lo straccio per terra.
Attenzione poi ai panni che si usano per le superfici: bisogna averne uno per ogni ambiente. Quindi meglio riservare uno straccio per i sanitari del bagno e uno per quelli della cucina. Inoltre molti mettono il prodotto detergente direttamente sui mobili: meglio, invece, spruzzarlo sul panno, in modo da evitare la formazione di fastidiosi aloni.
Occorre poi resistere alla tentazione di lasciare stracci e spugne negli armadietti o sotto il lavello della cucina senza prima averli risciacquati. Infatti, per le loro caratteristiche, tendono ad accumulare germi e batteri, mettendo a rischio l’igiene dell’ambiente. Oltre a lavarli dopo ogni utilizzo, andrebbero anche cambiati periodicamente.
Meglio poi non usare un «semplice» spolverino: ci si limita solo a spostare la polvere da una superficie ad un’altra, senza rimuovere lo sporco. Per «catturarlo» si possono utilizzare invece delle soluzioni ad hoc, come da esempio un panno antistatico.
Bisogna poi prestare attenzione ai particolari, senza lasciare indietro alcune parti della casa o alcuni device particolarmente «sensibili» ai batteri. Tra questi, ad esempio, i vari telecomandi – da quello classico della televisione a quello del condizionatore – che vengono toccati più volte da più persone, così come le maniglie della porta. Gli spazi tra i tasti della tastiera del pc possono essere una trappola per lo sporco, che può anche rimanere incastrato per molto tempo. Usare un panno potrebbe non essere sufficiente: meglio usare un aspirapolvere o, in alternativa, un aspirabriciole.
Infine, non vanno dimenticati i vetri delle finestre. Occhio però al sole: se è diretto, asciuga velocemente il prodotto usato per la pulizia, rendendo visibili aloni fastidiosi.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Casa
  • 1