La novità

Leggere a letto?
Ora tutto più pratico

Leggere a letto? <br />Ora tutto più pratico
Sei persone su dieci hanno letto più di tre libri all’anno e circa il 30% in media più di uno al mese

Leggere a letto?
Ora tutto più pratico

Sei persone su dieci hanno letto più di tre libri all’anno e circa il 30% in media più di uno al mese

Leggere libri, in formato cartaceo o digitale, è un’attività molto diffusa (83% della popolazione) e anche piuttosto frequente. Sei persone su dieci hanno letto più di tre libri all’anno e circa il 30% in media più di uno al mese. I dati sono dell’Ufficio federale di statistica. Peccato che i numeri non stabiliscano dove le persone amano leggere. Di certo in treno, in metropolitana, sul divano e ovviamente a letto, prima di dormire: molti perché adorano lasciarsi cullare dalle parole prima di entrare nel mondo dei sogni, tanti perché soffrono di insonnia e hanno bisogno di un po’ di compagnia. Sarà anche per questo motivo che gli interior designer – sempre più attenti a gusti e tendenze dei consumatori – hanno lanciato un nuovo prodotto, il “letto libreria”.

Leggere a letto? <br />Ora tutto più pratico

Si tratta di letti che, nella maggior parte dei casi, inglobano mensole, scaffali, cubi e spazi dove realizzare la propria libreria personale. Così magazine, fumetti, ma soprattutto libri, potranno essere sempre a portata di mano. In molti casi la libreria viene realizzata sulla parete dove c’è il capo del letto, con mensole di diverse lunghezze e forme che possono fungere sia da ripiani che da comodino. La libreria può presentare anche due code finali sui lati, in modo da avvolgere completamente la testata del letto. Per un oggetto d’arredo di questa tipologia sono preferibili i colori del legno ciliegio e il consiglio è quello di esaltare la parete con i libri scegliendo una tinta pastello a contrasto con le altre.

Molto interessante anche questa soluzione: realizzare una parete nella parete. In pratica si decide di costruire un piccolo muro di circa 10-15 centimetri, una sorta di nicchia in cui ricavare spazio per inserire la testata del letto e, in alto, realizzare vani a giorno irregolari, da abbellire con libri o altre suppellettili.

Leggere a letto? <br />Ora tutto più pratico

Salva spazio e accattivante è l’alternativa proposta da alcuni interior designer che, in camera da letto, utilizzano una grande libreria in legno come doppia opzione: da un alto, infatti, è composta da mensole e ripiani dove riporre i libri; dall’altro, invece, funge da testata del letto, creando un angolo intimo e riparato all’interno della stanza.

Oggi sono molto utilizzate anche le strutture letto con contenitori interni. Perfette nelle abitazioni di piccola metratura, permettono di riporre coperte, asciugamani e altra biancheria che non viene utilizzata spesso. Ci sono, infine, strutture letto con vani a giorno (oppure nella versione con antine), che offrono anche la possibilità di sfruttare lo spazio sotto il letto per riporre oggetti o libri. Buona lettura... a letto.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Casa
  • 1