Consigli

Materiali da esterno
Ecco quali scegliere

Materiali da esterno <br />Ecco quali scegliere
Ne esistono di numerosi, dall’Okumè all’alluminio, sino alla Beola Argentata. Scopriamo le loro peculiarità.

Materiali da esterno
Ecco quali scegliere

Ne esistono di numerosi, dall’Okumè all’alluminio, sino alla Beola Argentata. Scopriamo le loro peculiarità.

Scegliere adeguatamente gli arredi per il proprio spazio esterno, sia esso un giardino o un terrazzo, può essere una sfida. Il rischio è quello di affidarsi a mobili che potrebbero «soffrire» l’effetto degli agenti atmosferici. Oggi, fortunatamente, i materiali destinati all’outdoor garantiscono un solido equilibrio tra stile, eleganza e durevolezza. La funzionalità è determinata da performance significative, assicurando un’ottima resistenza a pioggia, raggi UV, salsedine, sbalzi di temperatura e umidità. Sempre più aziende si stanno specializzando nella realizzazione di prodotti di design da vivere en plein air, pensati per rispondere alle esigenze dell’abitare.

Ma quali materiali utilizzano? Primo tra tutti, il «multistrato marino», che si caratterizza per la naturale resistenza all’acqua e all’umidità. Si ottiene tramite l’incollatura di vari strati di «tranciati», ossia di fogli sottili ricavati da assi di legno. Il più pregiato è quello ricavato dall’Okumè, un legno idrorepellente che non viene intaccato da muffe e funghi. È idoneo anche all’utilizzo in ambienti outdoor e in qualunque condizione meteorologica. A seguire, troviamo l’Iroko, un legno protetto naturalmente dai suoi oli naturali, che ne rendono impermeabile la superficie. Di ultima generazione, invece, è il «laminato compatto stratificato», straordinariamente resistente versatile. È eco-friendly perché a zero emissioni di formaldeide. Oltre ad avere un’elevata proprietà antibatterica, garantisce una buona resistenza ai graffi.

Nel campo dei metalli, invece, l’acciaio AISI 316 è tra i più performanti. Contiene nichel, titanio, cromo, niobio e tantalio, tutti elementi che assicurano resistenza contro la corrosione, facilità di pulizia e un elevato coefficiente igienico. A seguire l’alluminio, un materiale duraturo, la cui superficie può essere trattata con un’ampia gamma di rivestimenti.

Nel mondo delle pietre, la Beola Argentata si conserva perfettamente in qualsiasi ambiente. Fa parte degli gneiss, rocce metamorfiche di colore grigio chiaro che vengono utilizzate fin dall’antichità per realizzare tegole e pavimentazioni esterne. In alternativa, la pietra lavica e il porfido sono ottime soluzioni. Per aver la certezza di poter contare su arredi duraturi, è dunque bene puntare su quelli realizzati con i materiali citati, a seconda dei propri gusti.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Casa
  • 1