L’esperto

«Presto all’opera
vedremo i droni»

«Presto all’opera <br />vedremo i droni»
«I tagliaerba robot? Noi li chiamiamo ormai ‘computer su ruote’»

«Presto all’opera
vedremo i droni»

«I tagliaerba robot? Noi li chiamiamo ormai ‘computer su ruote’»

Luciano Rusconi, responsabile vendite Brico, sottolinea che quello del giardinaggio è un settore molto più interessato dalle rivoluzioni tecnologiche di quel che si possa pensare.


Rusconi, ma tagliare un prato è così complicato?

«Si figuri... ha presente questi tagliaerba robot? Ci hanno messo una decina d’anni a svilupparli. Qui li chiamiamo ormai ‘computer su ruote’, perché questo sono, in realtà! Che richiedono manutenzione e aggiornamenti».

E qui entrate in gioco voi.

«Certo. Non solo perché vendiamo prodotti di altissima qualità fatti per durare e per essere mantenuti, ma anche perché abbiamo personale competente in grado di svolgere il lavoro e risolvere il problema. Persone appassionate e che seguono frequenti corsi di formazione tecnica, corsi messi a punto dalle stesse aziende produttrici».

Ma cos’è possibile fare oggi, impensabile qualche anno fa?

«Il settore dell’accumulazione ha fatto passi da gigante e oggi è possibile curare il verde con degli apparecchi che soddisfano le esigenze e nel contempo rispettano l’ambiente. Niente carburanti pericolosi da gestire, niente emissioni tossiche e molto, molto meno rumore. Ma c’è di più».

Che cosa?

«Stanno aumentando i comuni che offrono anche incentivi economici per chi compie una scelta del genere».

Ma i professionisti?

«Anche loro possono lavorare con mezzi elettrici. Ovvio, sono più potenti e con maggiore resa. Ma oggi è possibile».

E in futuro?

«I marchi leader del settore stanno già progettando la prossima generazione di robot, l’erba sarà tagliata dai droni. Insomma, l’ideale per chi ha giardini terrazzati. Ma ci vorranno ancora anni».

Loading the player...
Guarda il video!
©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Casa
  • 1