La tendenza

Risparmia sui consumi,
guarda le etichette!

Risparmia sui consumi, <br />guarda le etichette!
Particolare attenzione va prestata ai frigoriferi e ai congelatori, che rimangono in funzione 24 ore su 24 e tutti i giorni dell’anno

Risparmia sui consumi,
guarda le etichette!

Particolare attenzione va prestata ai frigoriferi e ai congelatori, che rimangono in funzione 24 ore su 24 e tutti i giorni dell’anno

Quello del risparmio energetico è un tema quanto mai attuale: merito, anche, della grande attenzione data alla sostenibilità da parte dei media, grazie alla visibilità guadagnata dalla giovanissima attivista Greta Thunberg negli ultimi mesi. Consumare meno, infatti, consente di ridurre l’impatto dell’uomo sull’ambiente. Ma non vanno dimenticati i vantaggi economici, con bollette più leggere e portafogli più tutelati. Un obiettivo importante, che può essere raggiunto anche grazie a una selezione accorta degli elettrodomestici utilizzati ogni giorno. Scegliere bene non è complicato: basta farsi guidare dall’etichetta energetica apposta sui vari dispositivi, che dichiara il consumo di energia di un apparecchio elettrico. Si tratta di una semplice legenda colorata, dove ad ogni tonalità e ad ogni lettera corrisponde un determinato livello di consumo. In questo modo, con un semplice colpo d’occhio, si può capire immediatamente il grado di efficienza degli elettrodomestici. Efficienza che cresce al pari passo con l’evoluzione tecnologica, grazie a soluzioni innovative sempre più performanti.

Ogni apparecchiatura ha caratteristiche proprie. Particolare attenzione va prestata ai frigoriferi e ai congelatori, che rimangono in funzione 24 ore su 24, tutti i giorni dell’anno. Secondo l’Ufficio federale dell’energia Ufe, in Svizzera – dove sono consentiti device di classe A++ o superiore – sono in funzione sette milioni di apparecchi, per un consumo totale di 1,8 miliardi di chilowattora (kWh). Se questi elettrodomestici venissero sostituiti con modelli più moderni ed efficienti, di classe A+++, si potrebbe risparmiare fino a 1,2 miliardi di kWh, una percentuale pari al 30 per cento.

Ciò vale anche per le lavatrici, i cui consumi vengono calcolati solitamente sui valori di un lavaggio normale. In questo caso, in Svizzera è consentita la vendita di accessori di classe A+ o superiore. Se si sceglie un modello più performante di tipo A+++ si può ottenere un risparmio, rispetto ad una classe A, del 17%. I modelli più avanzati sono dotati di programmi ad hoc e tecnologie intelligenti, che permettono di utilizzare solo l’energia e l’acqua necessaria per un lavaggio ottimale e un risultato impeccabile.

Il limite di A+ vale anche per le asciugatrici: per questo motivo possono essere vendute solo quelle che raggiungono tale requisito, ovvero, solitamente, i modelli con pompa di calore – tra i più avanzati presenti sul mercato – pensati per ridurre la dispersione termica.

Attenzione anche alla scelta dei forni. Una soluzione è quella di sfruttare a fondo le modalità di riscaldamento: quelle a ricircolo d’aria o ad aria calda, ad esempio, permettono di cuocere in modo ottimale i cibi su due o tre ripiani contemporaneamente, riducendo l’utilizzo dell’apparecchio. Pure in questo caso la regola è sempre la stessa: verificare l’etichetta prima di effettuare l’acquisto. Se la differenza tra A+++ e A all’apparenza non è molta, in realtà il risparmio è notevole: se, secondo un esempio dell’Ufficio federale dell’energia Ufe, un forno da 50 litri del primo tipo consuma 0,34 kWh a ciclo, uno del secondo tipo arriva a 0,72 kWh. Ovviamente va valutata anche la capienza: più è grande, più consuma.

Infine si possono citare i condizionatori d’aria. Oltre all’etichetta energetica è fondamentale controllare la tecnologia adottata: un modello split, sebbene di classe inferiore, è più efficiente di uno a doppio e singolo condotto di classe superiore. Ad ogni modo, l’evoluzione degli elettrodomestici porta a soluzioni sempre più performanti: rimanere aggiornati sulle ultime novità è fondamentale per risparmiare sulle bollette. E per prendersi cura dell’ambiente.

Risparmia sui consumi, <br />guarda le etichette!
«Le novità sono tante, dai materiali al wi-fi»

Cosa ci aspetta all’acquisto di un elettrodomestico di nuova generazione? Ne parliamo con Luca Colonello, Direttore della sede NIMIS di Noranco, negozio specializzato nella vendita e nell’installazione di elettrodomestici.


Le nuove generazioni di elettrodomestici che caratteristiche hanno?

«Le innovazioni sono molte; ad esempio i forni hanno volumi interni maggiorati, mentre frigoriferi e congelatori hanno isolazioni più consistenti, usano gas non inquinanti per il raffreddamento e compressori più piccoli, per ridurre il consumo energetico. Più in generale, quest’ultimo è il trend generale, insieme a quello dell’ambiente, con materiali riciclabili, consumi ridotti e una maggiore longevità».

Come vengono gestiti gli apparecchi? Si può parlare di domotica?

«Direi di sì: i nuovi apparecchi dispongono di un sistema bluetooth integrato che può connettersi al sistema wi-fi della casa e possono essere gestiti da smartphone o iPad. Così puoi, per esempio, far partire la lavatrice anche se sei in ufficio oppure controllare quanto detersivo - o verdura in frigo - rimane mentre sei al supermercato, acquistando ad hoc: un bel risparmio di tempo, energia e denaro».

Quindi cosa cambia in termini di risparmio?

«Minor dispendio di energia e acqua – per gli apparecchi che ne fanno uso – grazie alle nuove tecnologie di lavaggio o di cottura che si adattano al contesto. E questo naturalmente porta a risparmiare soldi e tempo. Con un occhio all’ambiente».

A cosa occorre prestare attenzione quando si acquista un apparecchio?

«Robustezza, qualità dei materiali, struttura e reali necessità cui deve far fronte. In ogni caso, consiglio di rivolgersi sempre ad un consulente esperto prima di un acquisto».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Casa
  • 1