Design

Un angolo studio
multifunzione

Un angolo studio <br />multifunzione
Per ricavare anche solo un piccolo spazio da dedicare al proprio lavoro da remoto bastano alcune accortezze tecniche e un pizzico di sana creatività

Un angolo studio
multifunzione

Per ricavare anche solo un piccolo spazio da dedicare al proprio lavoro da remoto bastano alcune accortezze tecniche e un pizzico di sana creatività

La pandemia da COVID-19 tuttora in atto ha lasciato a casa moltissimi lavoratori prima abituati a recarsi quotidianamente in ufficio. Il che, come diretta conseguenza, ha portato con sé il fatto di dover riorganizzare in tempi rapidi, ma anche con intelligenza e logica, i propri spazi domestici in funzione del telelavoro.

Se la casa in cui abitiamo è grande e ricca di stanze, è più facile trovare un angolino adatto alle proprie esigenze e, magari, anche una porta chiusa che ci regali maggiore calma e concentrazione durante l’orario lavorativo. Ma quando invece si tratta di un appartamento poco spazioso, allora lì sorge l’esigenza di mettere in moto la creatività al fine di ottimizzare l’angolo studio nel migliore dei modi. Ecco dunque qualche consiglio pratico ed utile al riguardo.

Ove possibile sarebbe bene ritagliarsi l’angolo studio in un punto della casa ben illuminato da una fonte di luce naturale, come lo spazio sotto il davanzale di una finestra. Ma laddove invece ciò non risulti fattibile, si può usare - previa un’ottima illuminazione artificiale - un sottoscala, il corridoio o magari lo stesso tavolo da pranzo, da sgombrare però subito all’occorrenza.

Inoltre vale la pena di considerare un piano d’appoggio a scomparsa da inserire all’interno di una libreria dove parte delle mensole sono fisse e dedicate a libri e similari, mentre un ripiano è mobile e si sposta dall’asse verticale a quello orizzontale con pochi e semplici gesti. Molto utili sono anche le cassettiere su ruote, che non solo consentono di avere diversi spazi per posizionare i propri strumenti da lavoro, ma possono essere spostate velocemente nel caso in cui si debba liberare il ripiano precedentemente occupato in poco tempo.

Un elemento da non trascurare, poi, è la sedia che si sceglie, soprattutto quando la si deve usare tante ore di fila ogni giorno. In questo caso, infatti, meglio optare per delle soluzioni ergonomiche, inclinabili e e complete di ginocchiere, garantendo quindi un defaticamento delle gambe volto a non sollecitare troppo muscoli, tendini e articolazioni della schiena.

È poi fondamentale non dimenticarsi di una valida fonte luminosa, possibilmente una lampada con intensità regolabile, così da non affaticare la vista che ha caratteristiche ed esigenze diverse di persona in persona. Infine, se si ha la possibilità di ridipingere anche quella parte della casa che si dedica ad angolo studio, allora il suggerimento verte su tonalità capaci di conferire rilassatezza, estro, positività e concentrazione, come ad esempio il verde e il blu non troppo scuri, il giallo tenue e il rosa.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Casa
  • 1