La tecnica

Vantaggi e svantaggi
dei pavimenti in PVC

Vantaggi e svantaggi <br />dei pavimenti in PVC
Economici e versatili, ideali in caso di ristrutturazione, ma con un valore decorativo non elevato

Vantaggi e svantaggi
dei pavimenti in PVC

Economici e versatili, ideali in caso di ristrutturazione, ma con un valore decorativo non elevato

Una nuova tendenza sta conquistando il mondo dell’edilizia e dell’arredamento degli interni: quella dei pavimenti in PVC (ovvero in polivinilcloruro), noti anche come «pavimenti vinilici». Questo materiale termoplastico ha come caratteristica principale la versatilità. Grazie a proprietà come flessibilità e resistenza all’usura, ma anche leggerezza, stabilità e impermeabilità, il polivinilcloruro – un tempo utilizzato perlopiù in scuole, palestre e ospedali – oggi è sempre più rivalutato e utilizzato per i pavimenti in casa.

Lo dimostrano anche le tante varianti estetiche disponibili, la maggior parte di esse create con l’obiettivo di «rievocare» stili classici (parquet o piastrelle); tuttavia alcuni modelli sono «originali» e sfruttano la sopra citata versatilità anche per soddisfare richieste particolari e inedite. A una varietà di stili si affianca altrettanta eterogeneità di categorie di prodotto: si va dai pavimenti in PVC flottanti a quelli a incastro, passando per quelli con posa incollata o a posa libera.

I vantaggi nell’installazione dei pavimenti in PVC sono molti: innanzitutto, la posa permette loro di essere installati direttamente su sottofondi irregolari o pavimenti già esistenti, senza smantellarli, facendone la soluzione ideale in caso di ristrutturazione dell’appartamento. Inoltre, se si è abbastanza pratici e abituati ai lavori fai da te, è abbastanza facile installarli.

I pavimenti vinilici sono facili da pulire e – per via della loro impermeabilità – si prestano all’utilizzo anche in stanze umide come bagni, cucine e lavanderie. E pure nel caso di negozi o uffici – ambienti soggetti a sollecitazioni più intense e a un maggiore «traffico» – il PVC può certamente essere applicato, anche perché alla resistenza si accompagna una cospicua riduzione del rumore derivante dal frequente calpestio.

Esistono tuttavia anche degli svantaggi: nonostante i recenti progressi, il valore decorativo di questi pavimenti non è ancora ai livelli di quelli tradizionali; inoltre, l’eventuale scelta di una posa incollata necessiterebbe di un sottofondo liscio e pulito, da trattare preventivamente e con prodotti ad hoc. Infine, sempre la posa incollata potrebbe non essere così facile da rimuovere in caso di sostituzione.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Casa
  • 1