Danno ai risparmiatori, favore ai ceti più facoltosi

IL COMMENTO DI CARLO REZZONICO

Danno ai risparmiatori, favore ai ceti più facoltosi

Danno ai risparmiatori, favore ai ceti più facoltosi

di CARLO REZZONICO - La politica monetaria ultraespansiva della Banca centrale europea (BCE) ha aumentato o diminuito le disuguaglianze nei redditi e nei patrimoni della popolazione? Finora prevaleva l'idea dell'aumento e si indicavano principalmente due ragioni. I proprietari di averi in moneta vengono sfavoriti da tassi di interesse bassissimi o nulli. Si tratta per lo più di risparmiatori piccoli e medi, poiché i detentori di grandi patrimoni solitamente scelgono altre vie per i loro investimenti. È quindi evidente un allargamento delle disuguaglianze. Inoltre – qui passo alla seconda ragione – il comportamento delle autorità monetarie fa salire fortemente i prezzi dei beni immobili e delle azioni. Solitamente sono le persone facoltose che collocano fondi importanti in questo genere di attivi...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Commenti CdT
  • 1