Gli artigiani, la politica e i fatti testardi

L'EDITORIALE DI GIANNI RIGHINETTI

Gli artigiani, la politica e i fatti testardi

Gli artigiani, la politica e i fatti testardi

di GIANNI RIGHINETTI - Nascere e morire nello spazio di poco meno di quattro anni. È il destino al quale va incontro la Legge sulle imprese artigianali (LIA) varata dal Gran Consiglio il 24 marzo 2015, a poche settimane dalle elezioni cantonali e che sembra ormai avere le ore contate. Tra oggi e domani il Parlamento sarà chiamato ad affossare o edulcorare un testo accolto con grande euforia in un momento di accesa campagna elettorale, un periodo nel quale le emozioni irrazionali soffocano la ragione. Quel passo era stato considerato essenziale, imprenscindibile per il lavoro in Ticino nel ramo dell'artigianato ed era stato ritenuto addirittura salvifico per combattere il fenomeno dei lavoratori distaccati e dei padroncini. Ma soprattutto in grado di proteggere, fare respirare e rilanciare un...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti CdT
  • 1